Tassi di interesse e Spese

Spread Mutuo

Quanto guadagna la banca su ogni mutuo concesso? È una domanda che, probabilmente, si pongono in molti, e la cui risposta è relativamente semplice. Come in ogni transazione di un bene, il profitto è dato dalla differenza tra il prezzo pagato dal cliente finale e le spese sostenute dal venditore.

Nel caso dei mutui, questo scarto è detto “spread” e si calcola sottraendo l’Euribor o l’Irs (vale a dire, il costo del denaro per i tassi variabili e fissi) dal tasso del finanziamento. Se i primi due parametri non possono essere influenzati dalle singole banche, poiché ancorati a criteri statistici e all’incontro della domanda e dell’offerta di denaro sul mercato bancario internazionale, è evidente che l’unica alternativa a disposizione degli istituti di credito per massimizzare il profitto è data dalla determinazione arbitraria del tasso d’interesse e, così facendo, dello stesso spread.

Se, ad esempio, l’Euribor è pari al 4%, la banca può decidere di concedere un mutuo con un tasso del 6 per cento: in tal caso, lo spread sarà pari al 2 per cento. La proporzione può variare anche di molto, e in linea di massima sarà più alta per i mutui giudicati più rischiosi dagli enti finanziari.

I parametri di valutazione del rischio di insolvenza forniscono infatti una guida concreta alle banche per determinare lo spread, secondo la logica universalmente valida in base alla quale a un maggiore azzardo corrisponde una più corposa ricompensa.

Un secondo criterio valido per la determinazione dello spread è dato dalla durata del finanziamento: anche in questo caso, i due parametri sono legati da una proporzione diretta, poiché gli istituti di credito giustificano con un profitto crescente l’aumentare del tempo intercorso dall’emissione del mutuo al suo pieno rimborso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *